background6.jpg

Martedì, 11 Maggio 2010 03:16

Le case delle fate: le domus di Janas

Vota questo articolo
(1 Vota)

Le sepolture collettive del neolitico prendono questo curioso nome dalla fantasia popolare delle popolazioni sarde che osservando i piccoli spazi delle cellette funerarie pensarono che fossero la dimora di piccoli esseri fantastici come le Janas. In realtà erano degli ossari dove si depositavano gli scheletri dei defunti dopo un processo di scarnificazione. Le cellette venivano ricavate direttamente sulla roccia utilizzando dei picchi di scavo sempre in pietra (naturalmente più dura).

A Dorgali si conservano ben 54 Domus, la maggior parte ricavate nel basalto ma ci sono anche degli esempi in granito e calcare.
Consigliamo di visitare, per la facilità d'accesso, le Domus di Isportana, Pirischè e Paskedda.

Letto 8107 volte Ultima modifica il Sabato, 06 Aprile 2013 20:26
Altro in questa categoria: I Nuraghi »
Devi effettuare il login per inviare commenti

seguici su facebook

link website flickrlink website twitterlink website buzzlink website

 

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o proseguendo la navigazione acconsentì all'uso dei cookie.